GUARDIA DI FINANZA NEGLI UFFICI DI AMBIENTE E SERVIZI

Speriamo sia fatta chiarezza sull'operato della società e dei comuni

0
Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza si è presentata negli uffici dei comuni di Porcia e San Vito al Tagliamento e in quelli di Ambiente Servizi e ha portato via incartamenti piuttosto voluminosi.

Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza si è presentata negli uffici dei comuni di Porcia e San Vito al Tagliamento e in quelli di Ambiente Servizi e ha portato via incartamenti piuttosto voluminosi.

Forse potremo avere finalmente delle risposte a tutte le questioni emerse in questi anni. Ricordiamo che recentemente le opposizioni presenti nel Consiglio comunale di Porcia hanno presentato un esposto riguardante l’appalto assegnato ad Ambiente Servizi, la società per azioni che nel Pordenonese si occupa della raccolta di rifiuti solidi (urbani e speciali, non pericolosi e pericolosi) e del servizio di tariffazione dei servizi di igiene ambientale.

In precedenza va ricordato anche l’esposto alla Corte dei Conti depositato dai sindacati, così come non possiamo trascurare le denunce e le interrogazioni portate dal MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale in merito alla gestione discutibile e poco trasparente della società e alla riconferma con proroga, secondo noi illegittima, del presidente Gasparotto.

A fronte delle difese d’ufficio dell’operato di Ambiente Servizi che non sono mai mancate da parte delle amministrazioni comunali e di quella regionale, noi, invece, abbiamo sempre agito a tutela degli interessi dei cittadini, chiedendo conto di atti e di documenti che invece dipingono un quadro tutt’altro che virtuoso.

Finora l’unica risposta ottenuta dall’azienda è stata quella di denigrare le nostre richieste di chiarimento sulla pubblicazione trimestrale di Ambiente Servizi pagata dai cittadini.

A questo punto speriamo che sia fatta chiarezza su tutto l’operato della società per azioni e delle amministrazioni comunali che dovrebbero esercitare il controllo su Ambiente Servizi, ma che spesso non sono nemmeno a conoscenza delle azioni assunte dall’azienda, come nel caso della partecipazione alla gara di appalto del Comune di Lignano.