Dopo escherichia e salmonella, anche il Covid in mare e laguna?

0

“Apprezziamo lo sforzo profuso da Cafc, Università di Udine e OGS di ricercare il Covid nei reflui e nel mare: non appena lette alcune notizie provenienti dall’estero, ci siamo confrontati con Arpa FVG proprio su questi temi”. Lo afferma il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, Cristian Sergo. “Siamo profondamente preoccupati perché, nel recente passato, negli scarichi in mare del Depuratore di Lignano Sabbiadoro, è stata rinvenuta la salmonella (oltre all’escherichia) e nulla dalla fine del 2018 è stato fatto nell’impianto – prosegue Sergo -. Anzi, per tutta la scorsa stagione estiva sono continuati gli sforamenti e le sanzioni di Arpa. L’autorizzazione regionale prevede una capacità depurativa col trattamento secondario e più spinto, visto che si sversano le acque in area sensibile, ma, come più volte dichiarato, l’impianto non è ancora adeguato per raggiungere tali livelli di depurazione tant’è che è in corso la progettazione di un altro sedimentatore”.

“Soprattutto se consideriamo che dal maggio scorso il trattamento deve essere completamente biologico e, come ricordato dall’assessore Scoccimarro, l’obsoleto trattamento chimico fisico non potrebbe più essere usato da quando è entrato in vigore il decreto legislativo 152/99, più di venti anni fa. Eppure, nonostante il Gestore, in audizione presso la IV Commissione, abbia dichiarato che tale procedura non è mai stata utilizzata dal 2015 in poi, i verbali dell’Arpa attestano invece il suo utilizzo anche nello scorso mese di maggio” sottolinea il consigliere M5S.

“C’e da sperare che il Covid non venga rinvenuto nelle acque reflue altrimenti, in caso di precipitazioni i reflui vengono scaricati in Laguna o nel fiume Tagliamento, compresi salmonella, escherichia coli e coronavirus, senza essere trattati biologicamente e senza passare la disinfezione degli ultravioletti o dell’acido peracetico – aggiunge Sergo -. Nonostante questi siano i metodi consoni ad una depurazione di acque destinate all’allevamento di molluschi e alla balneazione, in passato non sono stati efficaci nell’abbattimento dei batteri, da qui le sanzioni di Arpa”.

“Leggiamo già le solite rassicurazioni che nelle acque e con i raggi del sole i virus potrebbero sparire. Ma, almeno per i batteri, sappiamo che non è proprio così. Infatti continuiamo a ritrovare escherichia coli e salmonella nei molluschi in quantità importanti e a chiederci da dove provengano. Basti pensare che la zona di raccolta denominata Kursal, antistante Lignano Pineta, è stata declassata da un mese e mezzo per valori di escherichia coli nelle vongole 6 volte superiori a quelli consentiti. E non piove da sei mesi. Va ricordato – conclude l’esponente pentastellato – che, sebbene non si sappia per quanto tempo il virus SARS-CoV-2 sopravviva in acqua, in passato ci sono stati diversi studi sul virus della SARS-CoV-1 e dagli stessi sembrava che l’acqua di mare non fosse in grado di neutralizzare il virus”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.